cogenerazioneC’è una tecnologia che può dare la scossa all’economia italiana, aiutando le imprese a competere nel mercato globale e creando al tempo stesso ricerca, innovazione ed efficienza energetica per il nostro paese.  Stiamo parlando della Cogenerazione.

Ma cos’è in pratica la Cogenerazione?

Si definisce Cogenerazione la produzione simultanea in un unico processo di energia termica ed elettrica attraverso l’utilizzo di appositi macchinari che realizzano un ciclo termodinamico per produrre energia elettrica sfruttando i livelli termici più alti, azionando apposite turbine, e cedendo il calore residuo a più bassa temperatura per soddisfare le esigenze termiche.

Ma perché un azienda o un’impresa dovrebbe scegliere di investire in questo settore in continua espansione?

Perché permette un risparmio concreto e reale sui costi aziendali di energia elettrica e termica!

Ma approfondiamo meglio gli aspetti tecnici e i benefici di questa tecnologia.

Come funziona la cogenerazione?

Un impianto convenzionale che produce energia elettrica ha un rendimento del motore pari a circa 35-40% dell’energia del combustibile utilizzato, mentre il restante 60-65% viene disperso nell’ambiente sotto forma di calore. Con un impianto di cogenerazione, invece, il calore generato dal motore non viene disperso nell’ambiente, bensì recuperato per altri utilizzi andando a soddisfare così le esigenze termiche delle utenze collegate all’impianto stesso. In questo modo si riescono a raggiungere rendimenti complessivi nell’ordine dell’80-85% e oltre, come è riassunto negli schemi semplificativi qui di seguito riportati.

cogenerazione-produzione

Dallo schema riportato si evince come a fronte dello stesso risultato (45 energia termica e 38 energia elettrica), l’energia primaria utilizzata sia nettamente superiore quando si utilizzano cicli di produzione elettrica e termica separati (53+95 = 148) rispetto ad un ciclo con un impianto a cogenerazione (100).

Appare perciò evidente come l’utilizzo della cogenerazione comporti un uso più razionale del combustibile primario attraverso il recupero efficiente di un contenuto dei fumi di scarico del motore che, viceversa, va del tutto disperso nel caso di una produzione elettrica e termica separata.

Un impianto a cogenerazione può essere alimentato a biomassa, a gas naturale e GPL.

Apriamo infine una piccola parentesi sugli impianti a trigenerazione: sono degli efficienti sistemi di produzione combinata di elettricità, calore e freddo da un unico impianto.

Un trigeneratore è “semplicemente” un impianto di cogenerazione, a cui viene abbinata una macchina frigorifera, per produrre freddo sotto forma di acqua refrigerata, per il condizionamento degli edifici o per usi industriali. Rispetto alla sola produzione di calore ed elettricità, la trigenerazione consente di sfruttare pienamente le potenzialità dell’impianto anche in estate, quando viene meno l’esigenza di riscaldamento.

cogenerazioni2

Benefici della cogenerazione

Una volta chiaro il concetto tecnico di fondo, è evidente che i vantaggi della cogenerazione sono molteplici:

  • Economici
  • Finanziari
  • Operativi e tecnologici
  • Ambientali
  • Salvaguardia delle risorse

Vediamoli ora in dettaglio

  • vantaggi economici: con la cogenerazione si sfrutta meglio l’energia primaria. Inoltre la cogenerazione consente la riduzione dei costi di gestione degli impianti di produzione d’energia, limitando le perdite d’impianto, e soprattutto permette di avere costi di produzione altamente competitivi, a partire dalle fasce orarie tariffarie a maggior costo elettrico unitario
  • vantaggi finanziari: la cogenerazione beneficia di semplificazioni amministrative, può sfruttare una parziale defiscalizzazione dell’accisa sul combustibile utilizzato e può accedere allo scambio sul posto (fino a potenze di 200 kW). Viene inoltre incentivato tramite i Certificati Bianchi o Titoli di efficienza energetica (TEE). Un impianto cogenerativo correttamente dimensionato consente elevati risparmi energetici  ed rientro totale dell’investimento intorno ai 36-60 mesi
  • vantaggi operativi e tecnologici: la cogenerazione consente maggior flessibilità operativa e riduzione del rischio di black-out, con in più garanzie della qualità della fornitura che in taluni casi può diventare indispensabile
  • vantaggi ambientali: la riduzione dell’utilizzo percentuale di combustibili fossili per esigenze di riscaldamento e la diminuzione dell’emissioni di CO2
  • salvaguardia delle risorse: la cogenerazione consente un utilizzo più efficiente delle risorse energetiche tradizionali, riducendo gli sprechi , anche grazie alle minori perdite di trasmissione e distribuzione elettrica conseguente alla localizzazione dell’impianto in prossimità dell’utenza

Micro-cogenerazione: la scelta vincente per le piccole/medie imprese

La cogenerazione ha avuto storicamente maggiori applicazioni in processi energetici produttivi di grande taglia e ad alta intensità energetico/termica, tuttavia, recentemente, un ambito molto interessante di applicazione è diventato anche quello della micro-cogenerazione, dove si considera un range di potenza che va dai 50 kW ai 1 MW, ambito nel quale il Ministero dello Sviluppo Economico ha implementato procedure autorizzative semplificate per installazione ed utilizzo, nonché condizioni tecnico-economiche di connessione alla rete per la cogenerazione ad alto rendimento particolarmente vantaggiose.

Grazie a ciò la micro-cogenerazione distribuita è un processo energetico ormai consolidato, in grado di fornire a realtà produttive un importante strumento di risparmio e di ottimizzazione energetica.

Dal punto di vista economico, se correttamente dimensionato, la cogenerazione può garantire risparmi importanti, sia per un’azienda che la implementa con successo, sia per il paese, portando un contributo di efficienza al sistema produttivo più che mai prezioso per il mantenimento di una posizione di competitività di prodotto e di processo nel contesto dei mercati internazionali, nel medio e lungo periodo.

La micro-cogenerazione è la scelta vincente per imprese come:

  • circoli sportivi (palestre, piscine, ecc.)
  • hotel
  • ospedali, case di riposo e case di cura
  • aziende di produzione alimentari (salumifici, caseifici, ecc.)
  • e molte altre ancora…

Tecnoenergia attualmente lavora ad un importante progetto per la realizzazione per un nuovissimo impianto a cogenerazione sul territorio spezzino e, grazie al suo team, è riuscita a far ottenere, con un bando della regione Liguria, un contributo a fondo perduto di 100.000€!

Contattaci attraverso il form per ottenere ulteriori informazioni, per richiedere una consulenza tecnica e per sviluppare assieme a noi una soluzione personalizzata completamente gratuita

donna

Nome (richiesto)

Azienda

Telefono(se vuoi)

La Tua email (richiesta)

Inserisci qui la Tua richiesta

Accetto il trattamento dei dati (vedi testo privacy)